Guide Hardware

Monitor per PC, come scegliere quello adatto per te

Monitor per PC

Tutto ciò che devi sapere per l’acquisto di un nuovo monitor adatto a te

In commercio si trovano una miriade di monitor, quelli che costano meno, quelli che costano di più, quelli Full HD, quelli UHD e così via. Ma qual’è quello adatto alle esigenze di ognuno di noi? In questo articolo cercherò di spiegarvi un po’ tutto ciò che vi potrebbe indirizzare verso uno schermo piuttosto che un altro e cosa dovete andare a “studiare” per scegliere il monitor giusto per voi.

Risoluzione e dimensione

Monitor Full HD: hanno una risoluzione di 1920×1080 pixel e attualmente sono i più diffusi grazie al rapporto qualità prezzo. Le dimensioni, della diagonale, consigliate partono dai 21 pollici a 27 pollici. Questi schermi sono adatti a coloro che giocano, che guardano film e per tutte quelle cose quotidiane. L’unico “difetto”, chiamiamolo così, è il fatto che potrebbero non essere adatti a lavorarci ogni giorni.

Monitor 2K: hanno una risoluzione di 2560 x 1440 pixel, sono molto adatti a coloro che hanno necessità di lavorare con foto e video. In questo caso la diagonale consigliata va dai 27 pollici in su.

Monitor 4K o Ultra HD: hanno una risoluzione di 3840 × 2160 pixel, attualmente questi monitor sono il top del top sul mercato. I costi non sono bassi e nemmeno la richiesta di risorse alla scheda video, infatti si avrà bisogno di una buona VGA per poter sfruttare questi monitor al 100% con videogiochi e/o editing. La diagonale consigliata va dai 30 pollici in su.

Tipo di pannello

TN (Twisted Nematic) : sono i più comuni sul mercato e già presenti da tantissimo tempo, sono noti per i bassissimi tempi di risposta (fino a 1ms) e una frequenza di aggiornamento molto alta (oltre 144 Hz). Questi pannelli sono i più indicati per i videogiocatori.

IPS (In Plane Switching) : i loro punti di forza riguardano il modo con cui questi sono in grado di riprodurre i colori (fino a 1,07 miliardi di colori contro i “soli” 16,7 milioni dei pannelli TN) e gli angoli di visione particolarmente elevati (al contrario dei monitor con tecnologia TN che risentono) che lo rendono particolarmente adatto all’editing di foto e video.

Tempi di risposta, frame rate e refresh rate

Tempi di risposta: il numero di millisecondi che un pixel impiega per cambiare il suo stato sullo schermo questo parametro è fondamentale per il gaming, e deve essere quanto più basso possibile.

Frame Rate: il numero di fotogrammi renderizzati ogni secondo dalla scheda grafica del computer, chiamati più comunemente FPS. Più alti sono, più fluido sarà il gioco evitando così fastidiosi scatti (sotto i 15 FPS).

Refresh Rate: la frequenza di aggiornamento dell’immagine sullo schermo, cioè il numero di volte che l’immagine viene ridisegnata sul display ogni secondo, misurato in Hz. Anche in questo caso, più alto è il valore meglio è.

Finitura del pannello

Opaco: con un pannello opaco, grazie alla finitura antiriflesso, si andranno ad eliminare tutti quei problemi derivati dall’ambiente circostante e dai riflessi di oggetti posti nelle vicinanze del monitor.

Lucido: con un pannello lucido, invece, si avranno colori molto più vivi e luminosi però si soffrirà di fastidiosi riflessi a causa di luci naturali o causate da altri oggetti.

Ingressi

Un fattore molto importante, che potrebbe incidere radicalmente sull’acquisto di un monitor, è il numero e il tipo di ingressi che sono presenti. Ce ne sono di vari tipi: HDMI, DVI, VGA, Thunderbolt e DisplayPort. L’ideale sarebbe comprare uno schermo su cui siano presenti almeno HDMI, DVI e, perché no, anche una DisplayPort. Per quanto riguarda l’HDMI e la DisplayPort, bisogna stare attenti alla versione della porta presente sia sul monitor stesso che sulla propria scheda video perché si potrebbero avere fastidiose incompatibilità tra i due.

Proporzioni dello schermo

Proporzioni dello schermo
Immagine di ChimeraRevo

16:9 : i classici 16:9 sono i più comuni e utilizzati nel campo dei videogamers.

21:9 : i 21:9 spesso utilizzati nel campo dell’editing video, fotografico, nella creazione di musica e in tutto ciò dove si ha bisogno di tanto spazio sul desktop.

4:3 : i 4:3 sono stati ereditati dalle TV a tubo catodico, che si può considerare ormai obsoleto.

Altre caratteristiche

Alcuni fattori in più che si potrebbero tenere in considerazione sono ad esempio i consumi energetici del monitor (che devono essere quanto più bassi possibile) e la presenza di casse audio integrate nel monitor.
Una cosa, anche questa, molto importante è quella di controllare vivamente il livello di contrasto e la profondità dei neri del display, due valori che devono essere molto alti per avere una resa migliore delle immagini. Da tenere in considerazione c’è anche il livello di luminosità del display, che è espresso in cd/m², più è alto meglio è.

Etichette

Octavian Andrei Penciu

Ciao, mi chiamo Octavian, sono appassionato di Informatica e Internet, e in ogni caso della Tecnologia in generale. Ho creato questo sito per permettere a tutti di trovare in un singolo luogo tutto ciò di cui hanno bisogno. Il mio motto: "Ogni sogno a cui rinunci, è un pezzo del tuo futuro che smette di esistere" - Steve jobs
Chiudi